Vi raccontiamo le nostre Favole

Il luogo è appena adiacente e appartato dal traffico della S. Vitale; il nome, “Le favole” già prefigura una filosofia. E lo si comprende meglio al tramonto, quando l’attività della zona industriale circostante si smorza e scivola nella sera, le luci del ristorante si accendono calde e soffuse, il grande piazzale antistante diventa il più comodo dei parcheggi, e tutto invita a una piacevole serata.

Attorno c’è la campagna di Bagnacavallo, un mare verde in cui pesca sapori, colori e profumi  la migliore gastronomia  romagnola. E’ la dolcezza del sorriso di Sabrina ad accogliervi ed accompagnarvi al tavolo, mentre è Giampiero, nei vapori dei fornelli, a far saltare sapientemente, nell’ultimo tocco d’arte, il piatto che già vi aspetta.

Giampiero Benelli è romagnolo doc: una vocazione di ristoratore precoce, esercitata per 30 anni in varie cucine in Romagna con esperienza di anni in Germania, fino all’invitabile scelta di lavorare in autonomia, per proporre una filosofia gastronomica in cui crede e di cui risponde per intero. La preferenza nell’offerta è per il pesce, che grazie alla perfezionata logistica della distribuzione e consegna dai più vocati vivai marini europei, arriva fresco e nelle migliori condizioni in poche ore, più da lontano che da vicino. Così crostacei, molluschi, pesci pregiati arrivano sulla sua tavola praticamente in contemporanea con le tavole delle zone d’origine.

E c’è anche il pesce adriatico e locale, con rigorosa selezione dei canali di approvvigionamento, con un occhio particolarmente attento alla professionalità e competenza degli addetti ai lavori.

Perché  la cucina oggi è innanzitutto sapere: certo, ingredienti, qualità, selezione, ma anche una competenza scientifica di tecniche di cottura, ad esempio:  “Questo filetto di coniglio- spiega Giampiero del piatto che sta preparando- a parte la scelta della materia prima, è cotto a basse temperature, così da evitare la cristallizzazione delle proteine e mantenere caratteristiche organolettiche, nutritive e di resa, in modo ottimale: vale anche per i carciofi e per le verdure  che lo accompagnano, così che il piatto, oltre che essere più sano, più nutriente e più consistente, risulta una sorpresa per delicatezza di gusto. Un gusto spesso alterato dal ‘tutto troppo cotto’, del tutto troppo snaturato’”.

“Sapori e nutrienti che sono assicurati con la ricerca di prodotti locali e il più possibile a chilometri zero- aggiunge Sabrina- come vuole la cultura del gusto più attuale: vale per il pesce ove possibile, per gli ortaggi, ma anche per prodotti meno ricordati come le farine. Non è solo una moda gastronomica, ma una esigenza di sostenibilità, di valorizzazione delle risorse, di cultura alimentare e di ‘miglior vivere possibile’ dell’oggi”.

Vale una nota anche il menu di carne, con rifornimenti da allevamenti pregevoli a Dozza Imolese, che collaborano con l’Università di Bologna; con scelta di valorizzazione di tagli meno noti, di  salumi di chianina, di cinta senese, di manzo Kobe, la razza di manzi che vengono nutriti adeguatamente e addirittura massaggiati per favorire un ammorbidimento maggiore delle carni.

Sulle carni, e anche su cucine regionali, qui stanno progettando serate a tema, magari in serate di mercoledi e giovedì, tradizionalmente più tranquille.

Professionalità e competenza sono le due paroline-chiave dell’attività di

Giampiero Benelli e della squadra di collaboratori di cui si circonda.

Il ristorante, si sa, è un meccanismo che deve essere perfettamente sincronizzato; tutte le componenti si devono trovare a un medesimo livello di espressione.

C’è una clientela affezionata che conosce Giampiero da anni e lo ha seguito da un ristorante all’altro; ed è sempre il cliente competente il punto di riferimento della sua preparazione.

“Soddisfazione e stimolo (reciproco)- spiega Giampiero- viene dal rapporto con il cliente competente, sensibile alla qualità: con questo è piacevole e interessante proporgli di rivisitare e interpretare tradizione, sperimentare innovazione, accompagnarlo oltre precedenti schemi “.

La serata estiva può contare anche su un gradevole giardino.

Si esce dalla porta delle favole, a notte, nel relax del gusto appagato, con il sogno che già bussa al nostro orologio....... ma con il desiderio di tornare presto.

Testo a cura di Valeria Giordani

APERTURA - CHIUSURA

Il Ristorante Le Favole è chiuso il lunedi e il martedi. Vi aspettiamo durante il resto della settimana per gustare le nostre specialità.

Menù ed eventi

Scorpi il mondo de Le Favole, lasciati tentare dalla nostra cucina e accattivare dagli eventi che riserviamo per te.

Share |

Continua...

Previsioni Meteo

an image
Ristorante Le Favole - Via Cà del Vento 20/G - 48012 BAGNACAVALLO (RA) - Tel. 0545 - 62470
E-mail: ristolefavole@alice.it - P.Iva: 02231220399 - Privacy - Cookies - Login